La Nostra Recensione
Teo Gfo - Gente Che CorreIl cantautore italo-francese Teo Gfo, ormai una nostra vecchia conoscenza, ha pubblicato il quinto singolo che sarà parte del suo album “La Città del Sole”. Il brano si intitola “Gente Che Corre” e questa volta Teo ha scommesso sull’arma dell’animazione con un video molto bello ed espressivo, realizzato da Danesh Shahpouri. Il concetto del pezzo é semplice: la frenetica corsa che occupa ogni giorno le nostre vite é una inconscia autodistruzione, la negazione della natura umana che viene annegata dall’incessante flusso dell’ego, dalla necessità continua e spasmodica di alimentare un sistema personale e sociale che restituisce valori che creano un benessere effimero, istantaneo ma che sono privi di qualsiasi reale significato.

Le persone sembrano rapite, chiuse nel loro tram tram che eseguono come automi, perdendo di vista qualsiasi altro impulso che gli arriva dalla vita quotidiana, dalle relazioni umane, dalla natura. E così diventa normale non soccorrere la gente che muore praticando l’indifferenza, che diviene quasi scusata dalla necessità di arrivare velocemente agli obiettivi imminenti, al guadagno dei soldi, della “money” che ha preso il posto di Dio e della coscienza nelle nostre vite e che detta le regole e i tempi nel mondo intero. E non c’é da stupirsi che chi determina le nostre esistenze, decidendo ciò che possiamo o non possiamo fare ed avere attraverso i soldi, mantenga per se tutta la ricchezza, rubata ai nostri affetti, alla nostra libertà, succhiata dalle nostre vite, e non abbia nessuna intenzione di cederla a chi ne ha bisogno per sopravvivere.

Nel video migliaia di casse sorrette da un paracadute scendono piano sulla Terra e si vanno a posare in tutti i luoghi. Le casse hanno il simbolo della “Città del Sole” e contengono il cd di Teo, che, quindi, idealmente, irrompe nel mondo con un presenza fisica che reca il messaggio di “risveglio”, di consapevolezza per l’umanità: dobbiamo renderci conto di come siamo e cosa siamo diventati. Corriamo, corriamo e non sappiamo dove stiamo realmente andando. Ognuno pieno del suo ego si sente una tigre ma in realtà è un gattino in un circo con le sbarre. Un circo mediatico dove ci si mette costantemente in posa ma non si osa mostrarsi per come si é veramente.

Poche strofe ma molto significative ed un video bello ed inequivocabile lasciano un segno, come del resto tutti gli altri brani di Teo. L’aspetto musicale, in un universo cosi costruito intorno ai concetti, conta sino ad un certo punto. La musica diventa solo il tramite per instillare l’idea e questo artista si serve di pochi strumenti, in testa ai quali la chitarra ed il suo andamento solare e spensierato, la fa da padrona. Qualche piccola variazione, come ad esempio quella del sassofono di Olimpio Riccardi, rendono il pezzo più interessante e meno scontato nella melodia. Teo é sicuramente uno che batte forte alla nostra porta chiusa con la sua musica leggera.

Il Comunicato Stampa dell’Artista
Teo Gfo - Gente Che CorreGente che corre riflette un’epoca ormai alla deriva, senza più valori, amore ne coscienza. Mette in risalto la superficialità e le contraddizioni degli individui “dall’anima triste”, con tono ironico e giocoso

Dopo l’uscita di Matrioska il mese scorso, Gente Che Corre è il quinto singolo del cantautore Teo gfo disponibile a partire del 5 maggio sulle principali piattaforme di streaming, con video in anteprima a partire del 4.

In questo brano si riscontrano sonorità presenti nella raggamuffin che vanno poi a mescolarsi al bagaglio musicale dell’artista; troviamo una parte di animo rock, di allegria latino americana…Un bel cocktail musicale dal ritmo sostenuto che trasmette bene quell’idea di corsa contro il tempo. Una corsa insensata e persa in partenza…Il testo è decisamente ironico e provocatorio, e grazie alla sua semplicità e ai suoi giochi di parole evoca immagini con estrema facilità.

Riguardo “Gente Che Corre” l’artista sottolinea che:

È nata dalla semplice osservazione di quello che vedo ogni giorno per strada…Basta alzare la testa e guardarsi intorno; non da poco per i tempi attuali! Sembra che le persone facciano parte di un ingranaggio che li porta a vivere una sorta di vita illusoria, una vita dove viene a mancare ciò che ci rende esseri umani evoluti e dove non conta altro che la realizzazione personale ad ogni costo… E un po’ si rattrista una parte di me!

Questa canzone è tratta dall’album “La Città del Sole” nel quale l’artista, dopo una grande delusione, intraprende un viaggio partendo Dal sottosuolo, per ritrovare la Luce, e successivamente innalzare questo luogo di rinascita. Hanno preso parte a questa tratta del viaggio Marco Taurisano con l’arrangiamento e il mix, Carmelo Avanzato con il master, Olimpio Riccardi con il suo sax, Danesh Shahpouri con la realizzazione di ogni singolo disegno del video seguito da animazione e montaggio. Giuseppe Loller si è occupato della copertina del singolo.

Si narra che in questa città si possa ritrovare il proprio sole interiore…
Ti va di raggiungermi?

Link del video:
https://youtu.be/HT2KRi3UkH4

Web links:
https://linktr.ee/teo_gfo
https://www.instagram.com/teo_gfo/
https://www.facebook.com/gu.fo.146
https://www.youtube.com/channel/UCJoc2AIvqHcRGT5fmWWDAKg

Altri articoli su Teo Gfo
Teo Gfo e “Il Colore Mancante”
“Fiori” é il nuovo singolo di Teo Gfo

Gente Che Corre – Lyrics
Vedo gente corre così tanto
Da non sapere dove sta andando
Vedo gente corre così tanto
Da non sapere dove, dove, dove
Sta andando woh ohh
Vedo gente che corre
Vedo gente che muore
Vedo che la gente che corre
Non soccorre la gente che muore hey!
Vedo gente che vuole solo la money money
Trovo questa gente non molto diversa
Dai monkey monkey
Vedo gente che si identifica
Mettendosi in posa ma
Essere se stessa non osa
E un po’ si rattrista una parte di me
A farsi all’idea che…Hey!
Vedo gente corre così tanto
Da non sapere dove sta andando
Vedo gente corre così tanto
Da non sapere dove, dove, dove
Sta andando woh ohh
Vedo gente che da’
Vedo gente che prende
Vedo che la gente che prende
Poi sai non è la gente che da’
Vedo gente che pratica il bla bla bla
Perche vuole sentirsi dire wah wah wahh
Vedo molti gatti sentirsi tigri
Ma sono tutti tigri da circo woh oh
E un po’ si rattrista una parte di me
A farsi all’idea che…Hey!
Vedo gente corre così tanto
Da non sapere dove sta andando
Vedo gente corre così tanto
Da non sapere dove, dove, dove
Sta andando woh ohh
Vedo gente corre così tanto
Da non sapere dove sta andando
Vedo gente corre così tanto
Da non sapere dove, dove, dove
Sta andando woh ohh